Francesco Merenda. Bologna

Gli autori, nella Photo Art Gallery della Gabbia Armonica.

Francesco Merenda. Fotografia in bianconero. Napoli

Francesco Merenda. Classe ’63. Bolognese. Fotografia, in bioanconero.

Sperimenta in campo fotografico e nell’universo della comunicazione pubblicitaria fin dai primi anni ’80, partecipando a numerosi progetti e campagne fino al decennio successivo, in cui si dedicherà, professionalmente, all’attività imprenditoriale.

Francesco Merenda. Fotografia in bianconero. ZagoraLa fotografia entra nella sua esperienza molto presto, con una fotocamera Kodak ricevuta in regalo a 16 anni. Da allora, pur seguendo le vie più disparate, la fotografia non smetterà di essere la prima compagna della vita.

E praticamente dall’inizio, è la passione per la strada a indicare la direzione. Strada come vita, come ricchezza e miseria, ma sempre rappresentazione straordinaria e senza mediazione della natura umana.

Strada, per tentare di risolvere una curiosità irrisolvibile verso la profondità della umana natura. Per tentare l’impossibile impresa di fermare la vita stessa, il suo scorrere a volte indolente e a volte incontenibile, tutto in un fotogramma. A Palermo o a Marrakech, nelle malinconie di Cracovia o nel caleidoscopio di Madras, passeggiando per l’Alfama a Lisbona, perdendosi nei Caruggi genovesi: un viaggio e uno soltanto. Perché una è la vita.


Francesco Merenda. Fotografia in bianconero. GenovaFrancesco Merenda collabora attivamente con La Gabbia Armonica dalla sua creazione, nel 2013, essendone uno dei promotori e fondatori.

La specializzazione è certamente nella fotografia in bianconero, praticata sin dai primi anni ’80, in camera oscura alle origini e in digitale attualmente.

L’attrezzatura che utilizza attualmente è di tipo reflex, specificamente fotocamere Nikon.

Francesco Merenda, nel web: www.francescomerenda.com
Contatta Francesco Merenda


Vedi l’archivio delle immagini di Francesco Merenda, acquistabili nella Photo Art Gallery.


Francesco Merenda. Fotografia in bianconero. Kraków

Kraków, 2016. Foto Francesco Merenda